Tartarughe d'Acqua

Come Prendersi Cura della Tartaruga Domestica

Accessori Acquario Tartarughe

Allestire un acquario per tartarughe d’acqua non è impresa difficilissima ma bisogna comunque curare ogni minimo dettaglio per rendere la nuova casa del nostro amico animale quanto più simile al suo habitat naturale.

Il primo passo per l’allestimento dell’acquario per tartarughe è la scelta della vasca. La tartaruga d’acqua col tempo crescerà e quindi bisogna adattare alla sua grandezza anche le dimensioni della vasca, perchè l’animale dovrà essere libero di muoversi senza impedimenti, è quindi assolutamente consigliabile acquistare una vasca resistente e di grandi dimensioni.

Scelta la vasca va ricordato che l’acquario deve avere sia una zona d’acqua che una zona terrestre, perchè la tartaruga avrà bisogno di muoversi in entrambi gli spazi, quindi per creare la zona terrestre si consiglia di utilizzare un pezzo di legno, di sughero o rocce, creare una zona d’ombra dove l’animale può rifugiarsi e per abbellire questa piccola oasi è sconsigliabile usare piante di plastica, che possono anche ferire la tartaruga, mentre invece con piante naturali, il paesaggio sarà ancor più suggestivo ed in più queste ultime sprigioneranno ossigeno.

Altra cosa importante quando si allestisce un acquario per tartarughe è ricordarsi di lasciare abbastanza spazio vuoto tra il bordo e l’interno, così da non consentire alla tartaruga di arrampicarsi e fuoriuscire dalla sua nuova casa.

Per quanto riguarda la zona sommersa è consigliabile usare pietre o ghiaia, purché queste siano di dimensioni abbastanza grandi per non consentire alla tartaruga di ingoiarle.



Completata la base si deve passare al filtraggio dell’acqua, che è consentito grazie a dei filtri che vanno preferibilmente messi nella parte esterna della vasca. Più grandi sono e più sono buoni anche se il loro costo è maggiore. Con un filtro grande l’acqua verrà filtrata in modo continuo e quindi non vi sarà bisogno di cambiarla quasi tutti i giorni, ma solo una volta ogni due settimane.

Oltre ai filtri c’è bisogno di installare una lampada che produca raggi UVB che sono essenziali per la vita dell’animale. A questa lampada andrà installato un timer, perchè la tartaruga ha bisogno di 12 o 14 ore di luce intervallate da 10 o 12 ore di buio, proprio come nel ciclo naturale della giornata.

Infine ci sarà bisogno di un termostato e di un termoriscaldatore, che serviranno per portare l’acqua alla temperatura idonea alle abitudine della tartaruga, che in genere preferisce vivere ad una temperatura tra i 20 e i 25 gradi di giorno, mentre di notte la temperatura potrà anche essere diminuita di 5 gradi, anche se questo non è proprio indispensabile.

A questo punto la struttura dell’acquario è terminata e la tartaruga avrà la sua nuova casa che somiglierà molto al suo naturale habitat. Fatto questo bisognerà solo inserire il nuovo amico di casa nella vasca e curarlo con tanto amore, perchè va ricordato che la base di tutto e soprattutto per quanto riguarda la cura degli animali è l’amore. Amore e passione verso i nostri amici domestici renderà la loro vita migliore.

Logicamente non basterà solo una bella ed accogliente struttura per far vivere bene la tartaruga, questa avrà bisogno di cibo adatto che si può richiedere direttamente a negozi specializzati.




Tartarughe d'Acqua © 2017